SELL SULLA RESISTENZA DEL CICLO ANNUALE

Salve :-), 
oggi pomeriggio i mercati attendevano il discorso del presidente della Fed Bernake circa l’immissione di liquidità , e quindi in mattina la scelta migliore era stare flat e aspettare. 
Alle 16:00 c’è stato il discorso da cui è emerso che nell’immediato non ci saranno interventi di acquisto bond per stimolare la crescita economica e ridurre la disoccupazione, ma se la situazione dovesse in futuro richiederlo si procederà con il Q3 (quantitative easing , cioè praticamente stampare moneta (clicca qui) e immetterla nel sistema).

Ora vediamo gli effetti di questo discorso sul cambio euro-dollaro e il motivo della’apertura di una posizione di vendita. 
Secondo la mia analisi ciclica il 13-01-2012 è partito un ciclo annuale a 1.2632 e su tale prezzo ho tracciato una linea bianca. 
A 1.2632 è partito il ciclo annuale e ha raggiunto il suo max il 24-02-2012 a 1.3493 e poi il prezzo ha invertito al ribasso determinando successivamente la rottura del minimo di partenza e decretando un 
CICLO RIBASSISTA, infatti in base all’analisi ciclica, se un ciclo dovesse rompere il suo minimo di partenza diventa ribassiste e quindi statisticamente prevarranno le forze ribassista, quindi converrà aprire operazioni in vendita.
Oggi il prezzo ha toccato la resistenza tracciata dal ciclo annuale , e statisticamente, visto che il ciclo è orientato al ribasso, dovrebbe rimbalzare, infatti questa considerazione mi ha portato ad intraprendere una operazione di vendita .
La candela di prezzo all’interno del riquadro giallo indica la contrattazione avvenuta alle 16.00, momento in cui iniziava il discorso del presidente, infatti è stata questa candela che ha toccato la resistenza del ciclo annuale, decretando il max di giornata e il punto in cui è iniziato il rimbalzo statistico.
Ciao 🙂

OPERAZIONE SELL IN CHIUSURA CICLO 1/3

Salve :-),

Ieri pomeriggio alle ore 16:15 (freccia verde) è ripartito un nuovo ciclo giornaliero e alla partenza non ha mostrato molta forza e cosi non ho aperto nessuna operazione d’acquisto, infatti statisticamente alla ripartenza di un ciclo prevalgono le forze rialziste e quindi è consigliato aprire operazioni buy.

Notando la debolezza in ripartenza ciclo ho atteso la terza parte del ciclo giornaliero (1/3) e sono andato sell sotto la media mobile blu, dove solitamente il prezzo  va alla chiusura di un ciclo ,e statisticamente prevalgono le forze ribassiste e quindi è consigliato aprire operazioni sell, facile no?

  • alla ripartenza di un ciclo si va buy
  • alla chiusura si va sell

….. e nel mentre avviene la lotta tra tori (buy) e orsi (sell) e conviene stare flat.



Dettagli operazione di vendita :

  • acquisto a 1.25478 quando il prezzo va sotto la media blu (cerchio giallo)
  • stop a 1.2563 a ridosso dei punti di pivot
  • target a 1.2518 in corrispondenza del minimo di partenza del ciclo giornaliero (freccia verde), profitto + 30 pip
  • rapporto rischio-rendimento 1:2

ciao 🙂

OPERAZIONE FLAT

Ciao 🙂
Oggi il  cambio euro-dollaro si presenta piatto, infatti il prezzo dall’apertura delle contrattazioni oscilla in un range di circa 45 pip, e questa dinamica non è delle migliori per fare trading, infatti la decisione ideale sarebbe restare flat ed attendere il break-out al ribasso o al rialzo.



Nel trading esistono 3 tipi di operazioni :

  • operazioni di acquisto (buy)
  • operazioni di vendita (sell)
  • flat , cioè stare fermi ad aspettare il segnale
Quest’ultima è la più difficile da adottare perchè significa non partecipare al mercato e avvolte porta ad aprire un buy o un sell solo per il gusto di entrare a mercato, ciò significa entrare in una situazione poco chiara, e quindi sarebbe come lanciare una monetina e scommettere al rialzo o al ribasso.


Quindi è opportuno entrare a mercato solo ed esclusivamente quando scatta il segnale, in caso contrario bisogna stare ad osservare o fare qualcos’altro.

In queste situazioni quando capita faccio un po di scalping per raccogliere qualche briciola, come ho fatto in queste 2 operazioni di acquisto, in cui è scattato un segnale buy sul time-frame ad 1 min , alla ripartenza di un sotto-ciclo, precisamente il 2 in cui statisticamente prevalgono le forze rialziste.
Data la situazione piatta ho raccolto un +23 e un +28, chi si accontenta gode 🙂

ciao 🙂


COME E’ COMPOSTO IL PREZZO DELLA BENZINA?

Ciao :-),
in questo post cercheremo di capire come è composto il prezzo della benzinae e come mai sale,sale…sale…e…..sale:-)
Questa tendenza come al solito è presente soprattutto in Italia, mi spiego meglio, il prezzo della materia prima da cui  si producono i carburanti è l’oro nero,cioè il petrolio, e il suo prezzo è unico in tutto il mondo……
….allora perchè il prezzo della benzina cambia da Paese a Paese? ….
Qui vediamo i prezzi dei carburanti in Europa:
prezzibenzinaEU.jg.jpg
E’ l’Italia dove sta????……mmm….per 0.01 cent non stiamo al primo posto,mannaggg!….ma guardate il gasolio, vabbè!
Ora vediamo com’è composto il prezzo della benzina :
  1. Costo del prodotto e margine di guadagno (31.33% sul prezzo complessivo);
  2. Accise (cioè tutte le imposte di cui il prodotto è gravato siano esse di carattere locale, regionale o statale e la voce pesa per il 52,00%);
  3. Imposta sul valore aggiunto, IVA, uguale al 21% (la voce pesa, ovviamente, per il 20% rispetto alla somma delle prime due e, pertanto, per il 16,67% sul totale pagato).
Ecco l’elenco delle accise statali :
  • la guerra in Abissinia del 1935 (1,90 lire);
  • la crisi di Suez del 1956 (14 lire);
  • il disastro del Vajont del 1963 (10 lire);
  • l’alluvione di Firenze del 1966 (10 lire);
  • il terremoto del Belice del 1968 (10 lire);
  • il terremoto del Friuli del 1976 (99 lire);
  • il terremoto in Irpinia del 1980 (75 lire);
  • la missione in Libano del 1983 (205 lire);
  • la missione in Bosnia del 1996 (22 lire);
  • il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004 (0,020 euro, ossia 39 lire).
  • 0,0073 Euro in attuazione del Decreto Legge 34/11 per il finanziamento della manutenzione e la conservazione dei beni culturali, di enti ed istituzioni culturali.
  • 0,040 Euro per far fronte all’emergenza immigrati dovuta alla crisi libica del 2011, ai sensi della Legge 225/92
  • 0,0089 per far fronte all’alluvione in Liguria ed in Toscana del novembre 2011.
  • 0,112 Euro sul diesel e 0,082 Euro per la benzina in seguito al Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 201 “Disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici” (Manovra Monti) del governo Monti.
  • 0,02 euro per far fronte al terremoto dell’Emilia del 2012.
  • E…..E BAST! 🙂
Chi ne ha più ne metta!…
Quindi il 50% del prezzo di un pieno di benzina va nelle casse dello stato .Noi , nel 2012 continuiamo a pagare guerre e alluvioni strafinite….
…mancava solo che ci fossero delle accise per le guerre puniche :-)..
(potrebbe interessarvi anche questo post)
Riflettete!
Ciao:-)

LA DANZA DELLO SCALPING :-)

Ciao :-),
Quanto è bello lo scalping!…operazioni veloci, con stop strettissimi, piccoli gain che generano ottimi profitti nel lungo periodo.

Siccome questi giorni non posso dedicare molto tempo al trading, prediligo lo scalping perchè mi dà la possibilità di trovare segnali di ingresso in un intervallo di tempo limitato ( 2-3 ore al giorno per questo periodo).
Queste scalpatine sono frutto dell’analisi ciclica e , visto il poco rempo a disposizione in queti giorni, trado i sotto-sotto-sotto cicli giornalieri :-), sul time-frame a 1 min ……vero e proprio trading al “cardiopalma”…hihihihi….

Vediamo le 4 scalpatine


1. sell a 1.25107 con target la media mobile bianca del ciclo superiore, + 36



2. Buy a 1.25103 con target il max del ciclo precedente , + 44





3. Buy a 1.24933 (prima gamba) con target il minimo del ciclo precedente , + 85




4. Buy a 1.24959 (terza gamba) con target il minimo del ciclo precedente , +76

Bilancio : 
– dalle 14:06 alle 15:07 , + 36+ 44+ 85+76 =  +241 

Per oggi può bastare :-)…..ciaoooooooo:-)

SCALPING SUI SOTTOCICLI

Ciao :-),
Oggi pomeriggio ho aperto 2 operazioni  sell sul cambio euro dollaro, sono state operazioni velocissime aperte e chiuse in circa 5 min. 

Lo scalping è un modo di fare trading molto bello ma allo stesso tempo molto difficile da effettuare perchè richiede decisioni velocissime, in tempi molto ridotti , e per questo è molto frenetico.
Le operazioni aperte sono il frutto di segnali  generati sui sotto-cicli  giornalieri , sul time-frame a 1 minuto.

Le  2 operazioni di vendita sono state aperte sulla chiusura del secondo sotto-ciclo, dove statisticamente prevalgono le forze ribassiste, rispettivamente a 1.2558 e a 1.2564 con target la media mobile bianca (freccia gialla) che indica il ciclo superiore a quello tradato, con un profitto pari a +4 e +13 pip.

2×2 SCALPING VELOCISSIMO

Salve :-),
Oggi pomeriggio ho effettuato 4 operazioni in scalping, cioè operazioni velocissime, aperte e chiuse in 15 min. Il mercato è ancora poco liquido e quindi apro operazioni veloci.

Ho aperto prima 2 operazioni di vendita sulla chiusura di un sotto-ciclo su time-frame a 1min, con target la media mobile bianca (freccia gialla) del ciclo immediatamente superiore a quello in questione, chiuse rispettivamente a +3 e +5 pip. 
Successivamente ho tradato la ripartenza del sottociclo seguente aprendo 2 operazioni di acquisto sempre  su time-frame a 1min, con target i punti di pivot (freccia gialla) , chiuse rispettivamente a +4 e +7 pip. 



Ciao 🙂

CHIUSURA 4° CICLO GIORNALIERO

Salve :-),
Dal punto di vista ciclico sta mattina il cambio euro-dollaro era nella sua parte più ribassista, precisamente nel quarto giorno del ciclo a 4 giorni (settimanale) e quindi attendevo segnali short per poter entrare a mercato.
Dato che agosto è un mese in cui la liquidità sul mercato è molto scarsa, perchè la maggior parte degli operatori è in ferie, preferisco aprire al massimo un’operazione al giorno.

Il segnale dello short  è scattato sul time-frame ad 1h , più precisamente quando il prezzo viaggiava al di sotto della media mobile blu.  

Dettagli operazione di vendita :

  • sell a 1.2348 su break-out della candela precedente
  • stop loss inizialmente sopra il max di giornata a 1.2388
  • take-profit il secondo pivot a 1.2290 
  • rapporto rischio-rendimento 1-2 circa
  • gain 50 pip



Questa molto probabilmente sarà l’ultima operazione di questa settimana e poi seguirò il mercato nell’ultima settimana di agosto.
L’operatività piena la riprenderò a settembre.

Ciao 🙂


OPERATORI IN FERIE :-)

Salve :-),
In questo mese è conveniente non aprire operazioni perchè il mercato è poco liquido, quindi alterato e soggetto a manipolazioni, questo perchè la maggior parte degli operatori di mercato sono in ferie:-), quindi meno operatori, meno soldi sul mercato, infatti il cambio euro-dollaro in questi giorni è piatto e oscilla in un range di 60-70 pip .

Nonostante ciò, su chiari segnali  è sempre buono raccogliere qualche briciola.
Infatti, sta mattina ci trovavamo nella parte finale di un ciclo giornaliero, in particolare nella quarta parte, cioè dove statisticamente prevalgono forze ribassiste.

In base a questa analisi ciclica, attendevo chiari segnali per entrare short,  infatti alla rottura del supporto a 1.23598 (linea rossa) ho aperto un’operazione in vendita.
Ho dato importanza al supporto a 1.23598 perchè corrispondeva alla partenza del sottociclo, infatti ogni qual volta il prezzo va sotto il minimo di partenza del ciclo, quest’ultimo diventa ribassista e quindi prevalgono  gli short.

CORRELAZIONE CON LA STERLINA BRITANNICA

Salve 🙂

Sta mattina alle 10:30 è uscito un dato mecroeconomico riguardante l’economia britannica, cioè il dato sul settore manifatturiero.
Il dato è stato negativo, e questo ha avuto un impatto immediato sul cross GBP-USD, cioè sterlina – dollaro,infatti ha provocato un deprezzamento della sterlina di una cinquantina di pip.
Dal grafico possiamo notare la discesa del prezzo, nel cerchio bianco sono riportate le candele delle 10 e delle 10:30.
Il dato negativo sulla sterlina mi ha confermato il segnale di chiusura ciclo sul cambio euro-dollaro,infatti ho aperto una posizione sell con target i punti di pivot, dove il prezzo solitamente rimbalza .
Il prezzo aveva precedentemente formato un massimo sui pivot superiori, questo massimo corrispondeva al punto di inversione del prezzo dove statisticamente prevalgono le forze ribassiste.

Ho dato importanza al dato perchè statisticamente c’è una correlazione molto stretta tra le due coppie di valuta, cioè, euro-dollaro e sterlina-dollaro.

In un prossimo post descriverò dettagliatamente la correlazione, riportando esempi pratici sui grafici.